Eleutonic, Anti Stress – Anti Aging

Anti Aging, Anti Stress, per periodi di particolare attività

Eleutonic® è un integratore alimentare a base di sostanze attive che rallentano l’invecchiamento e riducono lo stress.

Scarica subito la Brochure dell’Eleutonic per scoprire tutte le proprietà del prodotto.

 
 

Le principali proprietà dell'Eleutonic

  • Rinvigorente e fortificante:
    indicato per persone debilitate, convalescenti o anziane. Utile per migliorare capacità intellettive, attenzione e memoria.
  • Difese immunitarie:
    minore incidenza di complicanze legate all’influenza; effetto protettivo contro gli episodi riattivatori dell’herpes simplex di tipo II
  • Azione Endocrina:
    il fitocomplesso totale mostra una notevole attività gonadotropa migliorando le capacità riproduttive sia nei maschi che nelle femmine, infatti è stato dimostrato che esso è capace di legarsi ai recettori progestinici, estrogenici, minerali e gluco-corticoidi;
  • Azione Dimagrante:
    come coadiuvante nelle diete dimagranti, tale attività è dovuta alla stimolazione di alcune lipasi in grado di accelerare la liberazione dei grassi dai tessuti di deposito (lipolisi) per trasformarli in grasso bruno, così da essere facilmente sintetizzato, cioè “bruciato” per produrre energia.
  • Azione Immunostimolante e Citoprotettiva:
    numerosi studiosi hanno dimostrato l’aumentata efficacia dei macrofagi, l’aumento di linfociti T e B, una raddoppiata attività delle cellule “natural killer”, un aumento di interferone, legati in particolare agli eleuterosidi B e D, ai polisaccaridi PES-A e B.

 
 

Risultati comprovati scientificamente tramite studi clinici

Effetti della supplementazione con Eleutherococcus Senticosus, Rhodiola Rosea, Ginseng, Mirtillo Nero e Rosa Canina (Eleutonic®) su forza muscolare e performance fisica in soggetti anziani sarcopenici: studio pilota

Piccioli L1, Predotti P2, Casciello A 3, Guglielmi M 3, Ciardo M 4, Panicara V1, Lombardi A1, Esposito L1, Granozio R1, Starace M1, Giallauria F 1


Conclusioni: La supplementazione con Eleutonic® in soggetti anziani sarcopenici ha mostrato un significativo miglioramento della forza muscolare (Handgrip) e della performance fisica (TUG test).

Cosa avviene al nostro corpo durante l'invecchiamento?

Il termine Sarcopenia è un sinonimo coniato da Irwin Rosenberg nel 1988 per definire la perdita di massa e funzione muscolare con l’età.

Può essere identificata con la situazione metabolica per cui il muscolo perde, a partire da un’età intorno ai 45 anni e con una tendenza destinata ad aumentare nel tempo, la capacità di produrre e consumare energia con lo stesso rate che utilizzava prima.

Quali sono le conseguenze dello stress?

Per stress si intende ogni causa capace di esercitare sull’organismo, con la sua azione prolungata, uno stimolo dannoso, provocandone di conseguenza una reazione identificabile nella tensione nervosa, o un logorio anche non avvertito dal soggetto ma ugualmente dannoso. Selye definì come “Sindrome Generale di Adattamento” quella risposta che l’organismo mette in atto quando è soggetto agli effetti prolungati di svariati tipi di agenti stressanti. L’evoluzione della sindrome avviene in tre fasi:  Allarme, Resistenza, Esaurimento.

I Principi di Eleutonic e le loro proprietà

Eleuterococco

È una pianta della famiglia delle Araliaceae, apprezzata per le sue proprietà rivitalizzanti e immunostimolanti, utile quando si vuole aumentare la resistenza alla fatica ed alle malattie.
Può migliorare la resistenza dell’organismo nei confronti dei fattori stressanti.
Agisce sul sistema endocrino con azione specifica a livello delle ghiandole surrenali, responsabili della produzione del cortisolo, attivo nella resistenza allo stress e nella modulazione della risposta immunitaria.
Esercita un’attività gonadotropa simile a quella del testosterone aumentando, in modelli animali, il peso delle vescicole seminali, della prostata e della quantità di spermatozoi.
L’eleuterococco fornisce all’organismo una migliore resistenza nei confronti di svariati tipi di stress, sia fisico sia psichico rendendo Eleutonic, per l’appunto, un efficace Anti-Stress
È indicato negli stati di deperimento organico, nella ridotta risposta immunitaria, nelle convalescenze, nell’età senile,  nelle situazioni di anoressia, negli sport ad elevato impegno psico-fisico e nelle malattie croniche debilitanti.

  • L’Eleuterococco rientra nella categoria delle piante ad azione adattogena (anti invecchiamento) ed antifatica, capaci, come tali, di aumentare in modo aspecifico le resistenze e le difese dell’organismo a fattori di stress.
  • Secondo I.I. Brekhman, che per primo coniò questo termine, un adattogeno è utile quando la resistenza dell’organismo è diminuita o quando è minata da sforzi eccessivi.
  • I princìpi attivi responsabili delle caratteristiche proprietà dell’Eleuterococco sono tipicamente concentrati nella radice ed appartengono principalmente alla categoria dei glicosidi.
  • Sono inoltre presenti composti saponinici (triterpeni e steroli), cumarine, flavonoidi e polisaccaridi (eleuterani).

 

Ginseng

Anch’essa appartenente alla famiglia delle Araliaceae, il nome scientifico di questa pianta dalle radici carnose è Panax, termine latino che significa “cura, rimedio”.
È la sostanza energizzante probabilmente più conosciuta e più usata che si trovi in natura.
Possiede un elevato contenuto di principi attivi tonificanti: ginsenosidi, vitamina C, vitamine A, E e K, acido folico, vitamine del gruppo B , tutti gli aminoacidi essenziali.
Ai ginsenosidi sono attribuite le proprietà tonificanti del ginseng, da alcuni dati ottenuti si evince che la pianta aumenta i livelli di testosterone.
Il ginseng viene definito uno “psicotonico” per le sue attività stimolanti del sistema centrale (SNC) e toniche. Influenzando positivamente gli stati depresssivi, migliora anche l’umore, il rendimento e la concentrazione. Secondo recenti studi del Chungbuk National University  (Sud Corea), il Ginseng sarebbe utile nei casi di Ipertensione.

  • Stimola le ghiandole surrenali con azione anti stress.
  • Stimola la sintesi proteica
  • Attività ipoglicemizzante (utile nel diabete mellito).
  • Attività ipolipemizzante, ipocolesterolemizzante.
  • Attività antiaggregante piastrinica e fibrinolitica.
  • Attività immunostimolante, potenziamento del NGF (nerve growth factor), anabolizzante (stimola i processi costruttivi dell’organismo)

 

Rhodiola

È una pianta presente in Siberia, la cui radice è impiegata per migliorare le prestazioni fisiche e la resistenza immunitaria e in generale per migliorare lo stato di salute.

  • Esplica attività azione adattogena ed anti stress
  • Favorisce in generale le capacità di apprendimento e di memoria
  • Aumenta la capacità lavorativa e il rendimento organico (effetto anabolico)
  • Produce un aumento della concentrazione plasmatica di beta-endorfine
  • Effetto cardioprotettivo, in presenza di tachicardia e palpitazioni dovute all’ansia

 

Rosa Canina

La rosa canina è una specie spontanea appartenente alla famiglia delle Rosaceae.

  • Immunomodulante: in grado di equilibrare il funzionamento del sistema immunitario e regolarlo a seconda delle necessità del momento.
  • Ottima in fase preventiva ed ai primi sintomi di influenza, raffreddori e tosse così come anche nella fase di guarigione per evitare ricadute e accelerare il ripristino completo dello stato di salute.
  • Antinfiammatoria: viene utilizzata nella prevenzione delle allergie e delle riniti, ma può contribuire anche ad alleviare problematiche di tipo infettivo come tosse e raffreddore.
  • Tonica e depurativa, per i periodi di particolare stanchezza; favorisce inoltre l’eliminazione delle tossine dal corpo tramite l’urina, favorendone l’azione anti stress.

Bibliografia

  1. Piccioli L1, Predotti P2, Casciello A 3, Guglielmi M 3, Ciardo M 4, Panicara V1, Lombardi A1, Esposito L1, Granozio R1, Starace M1, Giallauria F Effetti della supplementazione con Eleutherococcus Senticosus, Rhodiola Rosea, Ginseng, Mirtillo Nero e Rosa Canina (Eleutonic®) su forza muscolare e performance fisica in soggetti anziani sarcopenici: studio pilota
  2. Jellin JM et al., eds. Pharmacist’s letter/prescriber’s letter natural medicines comprehensive database. http:// www.naturaldatabase.com.
  3. Sotaniemi Eaet al. Ginseng therapy in non≠insulindependent diabetic patients. Diabetes Care. 1995; 18:1373≠5.
  4. Vuksan V et al. American ginseng (Panax quinquefolius L) reduces postprandial glycemia in nondiabetic subjects and subjects with type 2 diabetes mellitus. Arch Intern Med. 2000; 160:1009≠13.
  5. Vuksan V et al. Similar postprandial glycemic reductions with escalation of dose and administration time of American ginseng in type 2 diabetes. Diabetes Care. 2000; 23:1221≠6.
  6. Janetzky K, Morreale AP. Probable interaction between warfarin and ginseng. Am J Health≠Syst Pharm. 1997; 54:692≠3.
  7. Zhu M et al. Possible influences of ginseng on the pharmacokinetics and pharmacodynamics of warfarin in rats. J Pharm Pharmacol. 1999; 51:175≠80.
  8. Roche D. Eleutherococcus senticosus, Natom ≠ Medicina Naturale, n. 7, 1991
  9. Giusti E., Rossi M. Ginseng ed Eleuterococco: identikit a confronto,
  10. Erboristeria Domani, n. 4, 1994
  11. Giusti E., Rossi M. Ginseng ed Eleuterococco: farmacologia e studi clinici, Erboristeria Domani, n. 5, 1994
  12. J Sports Med Phys Fitness. 2010 Mar;50(1):57≠63. Effects of chronic Rhodiola Rosea supplementation on sport performance and antioxidant capacity in trained male: preliminary results. Parisi A1, Tranchita E, Duranti G, Ciminelli E, Quaranta F, Ceci R, Cerulli C, Borrione P, Sabatini S.
  13. J Strength Cond Res. 2013 Mar;27(3):839≠47. doi: 10.1519/JSC.0b013e31825d9799. The effects of an acute dose of Rhodiola rosea on endurance exercise performance. Noreen EE1, Buckley JG, Lewis SL, Brandauer J, Stuempfle KJ.
  14. Physiol Behav. 2010 Dec 2;101(5):555≠62. doi: 10.1016/j.physbeh.2010.09.006. Epub 2010 Sep 15. Effect of salidroside, active principle of Rhodiola rosea extract, on binge eating. Cifani C1, Micioni Di B MV, Vitale G, Ruggieri V, Ciccocioppo R, Massi M.
  15. Medicina (Kaunas). 2004;40(7):614≠9. Experimental analysis of therapeutic properties of Rhodiola rosea L. and its possible application in medicine. [Article in Lithuanian] Kucinskaite A1, Briedis V, Savickas A.
  16. Altern Med Rev. 2001 Jun;6(3):293≠302.
  17. Rhodiola rosea: a possible plant adaptogen.
  18. Rhodiola rosea L. extract reduces stress≠ and CRF≠induced anorexia in rats